www.vittimeuranio.it

GIUSTIZIA PER LE VITTIME DELL'URANIO IMPOVERITO

L’uranio impoverito è uno dei materiali di scarto della raffinazione dell’uranio naturale. È un metallo pesante, radioattivo e ad alta capacità piroforica (si incendia spontaneamente a contatto con l’aria). L’altissima densità di questo materiale – circa 19 grammi per centimetro cubo – lo rende ideale per l’utilizzo con determinate finalità sia in campo militare che civile. L’uranio impoverito è un prodotto di scarto disponibile in grande quantità, usato con queste finalità azzera praticamente i costi di smaltimento.
In campo militare al vantaggio della densità si aggiunge la capacità piroforica, entrambe le caratteristiche rendono i proiettili all’uranio impoverito molto efficaci nel perforare le corazzature; con l’esplosione del proiettile a seguito della penetrazione l’uranio impoverito si polverizza in frammenti incandescenti altamente tossici che arrivano a superare i 3000°.
Oltre al rischio derivante dalle schegge di metallo, la possibilità di morire per soffocamento è molto alta. 
A lungo termine le conseguenze sull’ambiente e sulla salute degli esseri umani non sono meno devastanti, sia per la radioattività sia per la tossicità del metallo.
Oltre al rischio di avvelenamento da metalli pesanti, se l’uranio impoverito viene inalato, il metallo radioattivo si deposita nei polmoni e in altri organi causando diversi tipi di cancro.
Secondo alcuni studi condotti in Germania, infatti, le molecole di uranio impoverito sono in grado di viaggiare in ogni parte del corpo, compresi lo sperma e le uova, cosa che aumenta la probabilità di cancro e danni ai geni, causando forme di malformazione nei figli di chi è stato esposto alla contaminazione.
Esistono in secondo luogo i danni derivanti dalla contaminazione di cibo e acqua venuti a contatto con i resti dei proiettili nel terreno.
La temperatura che si sprigiona nella sua esplosione è comunque sufficiente a far volatilizzare il bersaglio, il proiettile o la bomba in atomi o in piccole molecole. Questa polvere, trovando un ambiente freddo, si condensa e galleggia in aria per poi ricadere a terra. Tali particelle sono facilmente inalabili e una volta entrate nei polmoni provocano gravi malattie. Hanno la capacità di muoversi nel sangue depositandosi anche presso altri organi. La polvere che cade sul suolo e sugli alimenti può altresì essere ingerita e causare gravi malattie. Tra di esse ne sono conosciute almeno 78È documentato il suo utilizzo in ambito civile e militare dai primi anni 90.

30 sono gli anni

trascorsi dai primi documentati utilizzi di proiettili all’uranio impoverito nei luoghi dove sono presenti militari e civili italiani: in missioni operative, nei poligoni nazionali, nelle esercitazioni navali lungo tutto il mediterraneo e nelle missioni di pace.

27 sono gli anni

da cui si evidenzia che circa 8000 tra militari e civili italiani si sono ammalati di patologie oncologiche durante o al rientro dalle missioni in teatri operativi di Iraq, Bosnia, Kosovo, Somalia, Afganistan. Circa 400 sono i deceduti.

15 sono gli anni

in cui quattro Commissioni Parlamentari di inchiesta “sugli effetti dell’utilizzo dell’uranio impoverito” si sono succedute. La IV Commissione afferma nella sua relazione finale che “Sconvolgenti criticità sono state scoperte nel settore della sicurezza e della salute sul lavoro dei militari in Italia e nelle missioni all’estero, che hanno contribuito a seminare morti e malattie”.

9 sono gli anni

in cui sono state emesse 250 sentenze di condanna nei confronti del Ministero della Difesa, ottenute dall’avvovato Angelo Fiore Tartaglia come consulente legale dell’”Associazione Nazionale Vittime dell’uranio impoverito”, che sottolineano impietosamente come il Ministero stesso fosse al corrente dell’utilizzo dell’uranio impoverito, delle possibili conseguenze sulla salute legate ad una esposizione a esso, sia infine delle misure di protezione altrimenti adottate dalle altre forze Nato presenti nei teatri operativi.

L’utilizzo dei proiettili all’uranio impoverito è tuttora in corso.

ATTENZIONE!!! AGGIORNAMENTI!!!

MA TUTTO QUESTO NON BASTA

Ci troviamo ancora a dover lottare come familiari dei militari e dei civili già deceduti a causa dell’uranio impoverito (e di altri inquinanti bellici), assieme a chi oggi è gravemente ammalato, affinché lo Stato ci riconosca verità e giustizia.
Il tema è delicato perché tocca l’ambiente militare, dove occorre fare i conti con omertà, insabbiamento e abuso di potere, praticati anche a livello apicale.
Omertà e insabbiamento rispetto all’utilizzo dell’uranio impoverito nelle guerre in cui dovremmo “esportare democrazia” e nei poligoni NATO; abuso di potere nell’ostracizzare in ogni modo la ricerca della verità e della giustizia, con ricatti e pressioni di ogni tipo esercitate tanto sui tribunali che su di noi.
Quanto ai politici che abbiamo cercato di coinvolgere i risultati sono simili: passando dal negazionismo alle promesse disattese si è manifestata l’evidente volontà di anestetizzare la nostra richiesta di giustizia.

Le vittime non sono mai state sostenute da un forte movimento di opinione che coinvolgesse intellettuali o giornalisti nella loro battaglia per la giustizia e la verità, al contrario ci si è trovati a dover combattere anche una campagna di disinformazione che puntava a far passare vittime e familiari come visionari, complottisti o peggio ancora come soggetti spinti da meri interessi risarcitori.
Una coalizione questa che ci ha isolato e che ha fatto di tutto per spingerci a pensare che l’essere catapultati in quest’incubo fosse una nostra colpa.
A distanza di tutti questi anni c’è rimasto ben poco che possa lenire il dolore, le umiliazioni, il silenzio e l’abbandono che queste persone e le loro famiglie hanno attraversato.
Nel sensibilizzare l’opinione pubblica, che ancora non conosce i reali contorni di questa vicenda, il nostro obbiettivo di giustizia e verità è che lo Stato riconosca IL NESSO DI CAUSALITA’.

Il nesso di causalità tra le patologie (classiche o rare, dal tumore alle patologie al sistema nervoso) contratte dai militari e dai civili italiani e l’esposizione all’uranio impoverito in aree contaminate dalle missioni operative all’estero e nei poligoni nazionali, in particolari condizioni ambientali ed operative, in totale assenza di misure di protezione e di informazioni, patologie che hanno trovato in quell’ambiente e in quelle condizioni un indubbio fattore scatenante, come affermato dalla IV Commissione Parlamentare d’inchiesta e dalle 250 sentenze di condanna in tutti i gradi di giudizio ed in tutti i tribunali.
Le vittime e i loro familiari non chiedono elemosine, compassione o pacche sulle spalle, non hanno bisogno di santi in paradiso o di vecchi e nuovi cavalieri.
L’Associazione Nazionale Vittime dell’uranio impoverito, con tutti i suoi iscritti, chiede giustizia e verità, chiede a ogni soggetto della società civile il contributo per dare la più ampia diffusione possibile alla voce delle vittime.

L’ANVUI - Associazione Nazionale Vittime dell’uranio impoverito, con tutti i suoi iscritti, chiede giustizia e verità, chiede a ogni soggetto della società civile il contributo per dare la più ampia diffusione possibile alla voce delle vittime.

Ci occorre un sostegno, un contributo, che ci aiuti a far sentire la nostra voce, per non sentirci più soli. 

E’ necessario rompere il muro del silenzio che si è creato in questi anni.

Aderisci anche tu alla campagna #GiustiziaVittimeUranio!

Ci sono diversi modi per aiutarci:

Puoi mandare un video via whatsapp

Compila il FORM che trovi dopo i video per ricevere via mail il numero a cui mandare il tuo video

Puoi aderire alla raccolta firme

Compila il FORM che trovi dopo i video per sottoscrivere il nostro manifesto

Puoi aderire alla raccolta fondi tramite PayPal

Compila il FORM che trovi dopo i video con i tuoi dati fiscali per ricevere la ricevuta della donazione liberale

Queste sono le testimonianze video che abbiamo raccolto fino ad ora. Verranno pubblicate man mano anche sui nostri social e sulle pagine che ci sostengono.
GRAZIE A TUTTI GLI ASSOCIATI DELL'ANVUI CHE SI SONO MESSI IN GIOCO, GRAZIE A TUTTE LE PERSONE CHE VORRANNO PARTECIPARE,
Grazie a tutte le persone che ci stanno aiutando, giorno dopo giorno.

Fino ad oggi hanno sottoscritto il nostro manifesto (lista aggiornata al 12.11.2021):

Mattea Fo, Presidente Fondazione Fo Rame
Jacopo Fo, Attore e attivista
Monica Santoro
Italo Pelizzola
Vincenzo Riccio, ex Maresciallo Aeronautica
Lucia Vasini, Attrice
Susanna Manca, Vedova Maresciallo Esercito
Lorenzo Schirru, Cpt Brigata Folgore
Daniela Fiorio
Claudia Vacca
Roberto Mirabella, Maresciallo
Claudia De Martino, fisioterapista
Filomena Campus, artista
Federica Gaspardone, vedova CMC Sorrentino Mestouri Luigi
Manuela Spacca
Rosanna Albani
Patrizia Scanu
Claudio Cocciu, studente
Francesca Greco
Sonia Saponaro
Francesca La Barca, insegnante
Fabrizio De Giovanni, lavoratore dello spettacolo
Davide Calabria, disoccupato
Celso Doniselli, pensionato
Alberto Garbini, ex insegnante
Giovanna Cirifino
Danila Dessena, commessa
Gianfranco Frelli, attività teatrali
Rosanna De Angelis, docente
Maria Elena La Fratta, insegnante
Monica Vegetti, docente
Stefano Iulianella
Dale Zaccaria, scrittrice
Martina Marchioni
Gabriella Canova
Paola Conti
Maria Crisina Dalbosco
Michele Dotti, educattore
Gaia Maria Mezzadri

Piervittorio Miatton, impiegato
Rosa Billardello
Martina Carradori
Bruna Manzoni, comunicatore
Michela Dell’Amico, giornalista
Luca Dal Sillaro
Claudia Guasticchi
Nazzareno Vasapollo, libero professionista
Elena Vicentini
Vincenza Emilia Lo Duca
Antonino Filippo Zappulla, pensionato
Elisabetta Bramante
Movimento demA-democraziaautonomia, organizzazione politica
Lucia Lo Russo
Beppe Spanedda
Michele Desogus
Marina B
Danila Dessena, commessa
Alex Cotulelli
Naim Bytyqi
Alda Niccolai
Simona Cucchi, infermiera
Massimo Pinna, educatore scolastico
Alessandro Di Nino
Andrea Luppino
Valeria Liberti
Salvina Pirosa
Emanuele Lepore
Rinaldo Poretti
Alessandro De Caneva
Francesco Fazio
Gianluca Falcone
Lina Tedde
Jacopo Fo
Mafalda Casillo
Simone Mancini
Silvano Casillo
Marco Ponturo
Wanda Lanza
Claudia Anselmino

IL 26 OTTOBRE 2021 ALLE 10.00
UNA DELEGAZIONE DELL' ANVUI ASSOCIAZIONE NAZIONALE DELLE VITTIME DELL'URANIO IMPOVERITO E' STATA ASCOLTATA DALLA COMMISSIONE DIFESA DELLA CAMERA DEI DEPUTATI.

A seguito dell'assalto alla sede della Cgil non ci hanno permesso di manifestare in Piazza di Monte Citorio, abbiamo quindi organizzato un CORTEO ONLINE per manifestare e chiede giustizia e verità.

I VIDEO DELLA DIRETTA FACEBOOK DEL 26 OTTOBRE 2021
IL CORTEO, FORMATO DA UNA PICCOLA DELEGAZIONE DI VITTIME E PARENTI, PARTE DA PIAZZA DEL POPOLO E ARRIVA IN PIAZZA MONTE CITORIO A ROMA

Prima parte
La partenza

Seconda parte
Sit In davanti a Montecitorio

Terza Parte
Jacopo Fo si incatena

Quarta Parte
Resoconto Audizione

ADERISCI ALLA CAMPAGNA COMPILANDO IL FORM QUI SOTTO

CONDIVIDI
#GiustiziaVittimeUranio

La definizione verrà aggiunta tra parentesi vicino al tuo nome nell'elenco dei firmatari, se non ti interessa inserire una definizione puoi lasciare lo spazio in bianco.
Se abbiamo difficoltà verrai ricontattato

RASSEGNA STAMPA E ALTRE INFORMAZIONI

SEGUI L'A.N.V.U.I. SUI SOCIAL

CAMPAGNA REALIZZATA DA