ARCHIVIO RAME FO

CENNI STORICI

DARIO FO E FRANCA RAME

Ma quando dormivamo?! Abbiamo vissuto insieme, per tanto tempo, una quantità di storie che in dieci libri non si possono ricordare...

L’Archivio Franca Rame Dario Fo è stato ideato, progettato e realizzato da Franca Rame. La passione di Franca per la conservazione dei materiali inizia quando lei era piccolissima, a cominciare dalla prima collezione di oggetti: le carte veline in cui erano incartate le arance all’epoca.

Il progetto per un Archivio di famiglia accessibile tramite un portale web è iniziato nel 1993 con la digitalizzazione dei materiali, questo processo di inserimento della prima selezione è durato fino al 1998. Nel 1995, con grande emozione, il sito web www.archivio.francarame.it è stato messo online.

L’Archivio Franca Rame Dario Fo, raccoglie una molteplicità di materiali, l’organizzazione complessiva dell’archivio e dell’ordinamento delle diverse serie è opera di Franca Rame, che si è fortemente impegnata in ideazione, costituzione, progettazione, organizzazione, conservazione e accessibilità (attraverso il sito Internet) dell’archivio stesso.

Ricordiamo in particolar modo che:

– Nel patrimonio messo a disposizione dell’archivio dalla Famiglia Rame sono presenti documenti, datati a partire dal 1700, che raccontano la storia di una delle più antiche famiglie di teatranti girovaghi. Grazie a questa documentazione, composta anche da fotografie d’epoca, copioni e canovacci di messe in scena, abbiamo a disposizione una delle testimonianze più ampie sulla tradizione del teatro viaggiante.

– Grazie al lavoro di recupero effettuato da Franca Rame sono presenti i documenti relativi ai primi 20 anni di vita di Dario Fo, foto d’epoca che lo ritraggono bambino, e numerosi suoi disegni che risalgono ai primissimi anni di accademia (i primi schizzi a matita e acquarello risalgono al 1939).

– Con l’intensa attività di conservazione e catalogazione svolta nel corso degli anni possiamo oggi attingere a una ricca collezione di materiali che ci raccontano la vita e l’arte di Franca Rame e Dario Fo in più di 60 anni di vita e teatro insieme: registrazioni audio e video, foto d’epoca, copioni, manoscritti, stesure progressive dei lavori svolti, disegni, dipinti, bozzetti, manifesti, copie di contratti, fatture, libri, articoli, pubblicazioni italiane e straniere, premi e tutto quanto racconta la vita artistica, politica e personale di Franca Rame e Dario Fo.

 (1950) Franca da ragazza – (1951) Franca e Dario Giovanissimi 
© Foto tratte dall’Archivio Rame Fo

un patrimonio sotto tutela

L'ARCHIVIO FISICO

Nella sede dell’Archivio di Stato di Verona dal 2016 viene conservato tutto il materiale del patrimonio prodotto fino all’anno 2000, al quali si aggiunge una selezione della produzione pittorica di Dario Fo dal 2000 al 2016.

Il materiale del patrimonio prodotto dal 2001 ad oggi viene conservato presso Gubbio (PG), incluse le versioni digitali dei materiali audio-video, denominati “Teche Compagnia Teatrale Fo Rame”, composte da più di 600 ore di file digitali tra riprese e/o registrazioni audio di spettacoli teatrali, registrazioni di canzoni, prove di spettacoli, convegni, interviste e conversazioni.

La gestione dell’Archivio Fisico e Online è a carico della Famiglia Fo, che dal 2020 ne ha affidato gestione e tutela alla Fondazione Fo Rame.
Fino al 2020 la gestione era affidata alla C.T.F.R. SRL, Compagnia Teatrale Fo Rame, società di famiglia.

Per far capire la mole e il gran numero di materiali conservati, riportiamo di seguito il censimento numerico del solo materiale conservato presso l’Archivio di Stato di Verona, in corso di reinventariazione:

• Materiale Audio-Video: c.a. 5.000 supporti
(cassete audio, bobine, vhs, dvd, cd)
– Bobine delle registrazioni video degli spettacoli
– Audio-cassette contenenti le registrazioni di spettacoli effettuate dal 1967 al 2011, sono conservate le edizioni in audio cassetta e le registrazioni realizzate da Franca Rame o comunque da collaboratori della Compagnia Teatrale che eseguivano le registrazioni su sua richiesta.
– Vhs, dvd e cd delle opere Fo Rame registrate e/o pubblicate dal 1967 al 2016

• Biblioteca: c.a. 10.000 volumi
La biblioteca è formata da:
– Edizioni delle opere di Dario Fo e Franca Rame pubblicate in Italia
– Edizioni delle opere di Dario Fo e Franca Rame pubblicate all’estero
– Pubblicazioni di tesi dedicate all’opera dei due artisti
– Libri della biblioteca privata di Dario Fo e Franca Rame

• Collezioni e premi: c.a. 200 esemplari
Estremi cronologici: aa 1960 – 2016
– Targhe di premi e riconoscimenti a Franca Rame, Dario Fo ed alla Compagnia Teatrale
– Omaggi e doni connessi alla loro attività artistica
– Collezioni private di oggetti

• Costumi di scena e abiti personali: 700 abiti
– Costumi di scena della Compagnia Teatrale Fo Rame realizzati dalla Sartoria Pia Rame
– Selezione di abiti personali di Franca Rame e Dario Fo

• Opere pittoriche e Bozzetti di Dario Fo: 532 pezzi

• Disegni, bozzetti di Dario Fo e materiale di ricerca iconografica:
c.a. 8775 pezzi

• Locandine e Manifesti degli spettacoli teatrali andati in scena in Italia e all’estero: 879 tipologie

• Marionette e Pupazzi della collezione Fo Rame, tra cui le antiche marionette della famiglia Rame: 109 esemplari

• Maschere di scena della collezione Fo Rame, tra cui quelle realizzate da Donato e Amleto Sartori e da Jacopo Fo: 69  esemplari

• Oggetti di scena e scenografie: 115 esemplari

• Albi e Faldoni: c.a. 2.005 
Estremi cronologici: 1800 – 2015
All’interno dei faldoni e degli album sono conservati:
– Documenti della Compagnia Teatrale della Famiglia Rame dal 1810 (ad esempio documentazione amministrativa, rendiconti, lettere, foto d’epoca, locandine, nullaosta, disegni, antichi copioni e canovacci, circolari e atti giudiziari, atti di buona condotta, pubblicazioni, rassegna stampa e telegrammi)
– Documenti amministrativi, rendiconti di mostre e spettacoli teatrali, contratti, preventivi, lettere e accordi per progetti relativi al lavoro della Compagnia Teatrale Fo Rame dal 1953, ma anche lettere, telegrammi, inviti, comunicazioni e circolari, visti di censura, ricevute di accompagnamento, relazioni tecniche e elenchi dei materiali di scena di ogni spettacolo.
– Documenti relativi alla storia personale di Dario Fo e Franca Rame (ad esempio la documentazione scolastica, i certificati di nascita e il certificato di matrimonio) dal 1926.
– Copioni, prime scritture, manoscritti e appunti relativi ai testi delle opere teatrali di Dario Fo e Franca Rame
– Copie di saggi, traduzioni e articoli pubblicati in Italia e all’estero
– Rassegna stampa italiana e estera
– Corrispondenza con agenti in Italia e all’estero per le autorizzazioni alla messa in scena dei testi Fo Rame da parte di altre compagnie teatrali
– Corrispondenza con enti, case editrici, fondazioni e TV
– Rendiconti delle raccolte fondi organizzate durante gli spettacoli

© Foto scattate all’Archivio di Stato di Verona da Giulia Coldani durante una visita/studio per la sua tesi di laurea.

Il RICONOSCIMENTO DEL MINISTERO DELLA CULTURA

Per valore artistico e ricchezza dei contenuti l’Archivio Rame Fo è stato riconosciuto patrimonio culturale della storia italiana e pertanto dichiarato: “d’interesse storico particolarmente importante” da parte dell'allora Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Due sono i provvedimenti di tutela, il primo emesso dalla Soprintendenza archivistica e bibliografica dell’Umbria e delle Marche il 4 gennaio 2016, il secondo emesso dalla Soprintendenza archivistica e bibliografica della Lombardia il 29 giugno 2016.

un patrimonio sotto tutela

L'ARCHIVIO ONLINE

L’idea di creare un Archivio Online matura in Franca Rame quando le viene raccontata la possibilità di utilizzare internet come luogo di scambio di informazioni, infatti il suo grande rammarico è sempre stato quello di non poter dare la possibilità a studiosi ed appassionati (“alla gente che mi vuole bene”) di accedere al materiale da lei conservato a causa dell’assenza di spazi fisici adeguati. 

La possibilità di sopperire a questa mancanza sfruttando il web aprì le porte a una grande rivoluzione in casa Rame-Fo.
Franca Rame organizzò un grande laboratorio per la digitalizzazione del materiale coinvolgendo università, enti e associazioni che misero a disposizione il lavoro di stagisti, obiettori di coscienza e volontari. Man mano che il materiale veniva digitalizzato Franca inseriva le descrizioni.

Nella costruzione del portale web Franca Rame è stata affiancata da Jacopo Fo che ha progettato l’archiviazione delle informazioni e l’organizzazione dei materiali online rispettando il più possibile la metodologia usata dalla madre per l’archiviazione del materiale fisico.

Le voci in cui sono stati all’epoca divisi i materiali all’interno del sito web dell’Archivio Rame Fo sono articolate rispettando la trasversalità tipica della vita e della carriera dei suoi protagonisti.

I materiali conservati dall’archivio fisico e digitale, rispecchiano la sfericità dei due artisti che hanno dato vita a questo immenso patrimonio.
Arte, Teatro, scrittura, disegno, pittura, vita pubblica e privata, impegno politico e sociale, si miscelano in una magia di informazioni che compongono la rete di conoscenza su cui possiamo affacciarci navigando nella pagine di questo meraviglioso portale web.

Oggi il sito web dell’Archivio risente degli anni che sono trascorsi, e uno degli obbiettivi della Fondazione Fo Rame è quello di trovare i fondi per una completa reingegnerizzazione in modo che il materiale sia fruibile, e allo stesso tempo protetto, al 100%.

Negli anni Franca Rame e Dario Fo hanno partecipato a progetti volti alla creazione di una libreria digitale delle arti performative, grazie a queste collaborazioni porzioni dell’archivio sono disponibili anche su:

– Sapienza Digital Library http://sapienzadigitallibrary.uniromal.it/
– Europeana http://www.europeana.eu/
– ECLAP – European Collected Library of Artistic Performance http://www.eclap.eu

Franca e Dario in scena © Foto tratte dall’Archivio Rame Fo

VISITA L'ARCHIVIO ONLINE

Il patrimonio artistico sul sito web è consultabile in ordine cronologico e/o alfabetico. L'Archivio Franca Rame e Dario Fo è stato ideato e realizzato da Franca Rame ed è stato interamente finanziato da Franca Rame e Dario Fo. Ancora oggi l'Archivio Online viene aggiornato costantemente dai volontari della Fondazione Fo Rame.

IL PATRIMONIO DELLA FAMIGLIA RAME FO NEGLI SPAZI DEL MiC

MusALab - Museo Archivio Laboratorio

A VERONA DAL 23 MARZO 2016

Grazie alla convenzione tra MiC, Direzione generale degli Archivi di Stato e Famiglia Fo, da marzo 2016 l’Archivio Franca Rame Dario Fo è ospitato presso la sede dell’Archivio di Stato di Verona.
Alla vigilia del suo novantesimo compleanno Dario Fo ha inaugurato il MusAlab Franca Rame Dario Fo insieme al Ministro Dario Franceschini e ai numerosi sostenitori arrivati da tutta Italia.

All’interno dell’Archivio di Stato di Verona è presente uno spazio dedicato all’esposizione permanente delle opere di Dario Fo e Franca Rame, parte integrante dell’Archivio.
Il 23 febbraio 2018 è stato inaugurato il nuovo allestimento, a seguito del lungo periodo di chiusura degli spazi a causa della ristrutturazione di quell’ala dello stabile, ristrutturazione iniziata a luglio 2016, pochi mesi dopo la primissima apertura dell’esposizione.

Dal 2016 al 2020 la Compagnia Teatrale Fo Rame ha gestito le attività culturali organizzate presso il MusALab, ne ha curato gli allestimenti, ha organizzato incontri di studio, visite guidate e laboratori creativi cercando di seguire l’insegnamento di Dario Fo e Franca Rame che raccomandavano di offrire “l’arte in pasto ai giovani”.

COSA ABBIAMO FATTO

L'ARCHIVIO RAME FO DAL 2015 AL 2020

Tutte le attività organizzate dalla C.T.F.R. Srl

2015-2016

UN PREMESSA E UN PO' DI STORIA

COME NASCE MUSALAB

Il progetto e il primo anno di attività

2017

RESOCONTO

ATTIVITA' SVOLTE

DALLA COMPAGNIA TEATRALE FO RAME

2018

RESOCONTO

ATTIVITA' SVOLTE

DALLA COMPAGNIA TEATRALE FO RAME

2019

RESOCONTO

ATTIVITA' SVOLTE

DALLA COMPAGNIA TEATRALE FO RAME

2020

RESOCONTO

ATTIVITA' SVOLTE

DALLA COMPAGNIA TEATRALE FO RAME

2021

PROGRAMMAZIONE

LA FONDAZIONE E L'ARCHIVIO

Il rinnovo della convenzione e la modifica degli assetti

UNISCITI ALLA NOSTRA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE

UN (vero) MUSEO

PER DARIO FO E FRANCA RAME

Vorrei che ci dessero un posto dove poter mettere a disposizione delle persone che ci vogliono bene tutto questo materiale. Un luogo dove ci sia lo spazio per appendere i disegni di Dario che ora sono nei cassetti, dove ci sia una stanza per mettere in fila tutti i premi che abbiamo ricevuto in questi anni.
Franca Rame

Il patrimonio Rame Fo è patrimonio culturale d’importanza internazionale, è fondamentale conservarlo e valorizzarlo nel suo insieme, rendendolo accessibile e realmente fruibile a tutti.

Numerosi sono i progetti che la Fondazione Fo Rame ha in cantiere per i prossimi anni, in collaborazione con la Compagnia Teatrale Fo Rame.
Numerosi sono i progetti che si potrebbero finalmente portare a termine dopo le tante promesse delle istituzioni.

Con il progetto MusALab avevamo sognato di creare un polo archivistico museale che potesse essere d’esempio all’Europa, un luogo dove i visitatori potessero sperimentare in prima persona la bellezza delle arti e l’importanza della cultura. Un museo laboratorio dove diventare protagonisti della valorizzazione del Patrimonio.

Abbiamo centinaia di opere d’arte di un Premio Nobel ancora chiuse nei cassetti, nelle casse e – quelle di maggiori dimensioni – imballate e stipate in depositi non idonei alla loro conservazione. A Dario Fo era stato promesso dal Ministro in persona che si sarebbe trovato un posto più grande e più adatto ad ospitare i suoi capolavori.

La convenzione stipulata con Dario Fo e Jacopo Fo per la valorizzazione del Patrimonio Fo Rame firmata a marzo 2016 si rinnova nel 2021. Sono già passati cinque anni, e ancora oggi le opere di Dario Fo giacciono imballate, come pronte all’ennesimo trasloco.

Verona ci ha regalato molto, il rapporto istituito con la cittadinanza e i progetti che ne sono scaturiti sono stati esperienze bellissime, il progetto di (ri)catalogazione dei materiali promosso dalla Direzione Generale Archivi è un progetto fondamentale che era necessario fare. Ma ad oggi non possiamo più permetterci di aspettare che le istituzioni abbiano il tempo di affrontare l’argomento più spinoso: trovare una sede idonea per spazi e superfici espositive.

Ci occorre un sostegno, sia logistico che economico, che ci permetta di tutelare effettivamente i materiali d’archivio e anche di gestire tutte quelle attività che possono nascere intorno a questo Patrimonio.

L’obbiettivo della campagna “UN MUSEO PER DARIO E FRANCA” è quello di trovare un luogo dove accogliere l’Archivio Rame Fo, dare forma al Museo, e realizzare tutto ciò che era stato promesso a Dario il 23 marzo 2016 con la firma della convenzione con il Ministero della Cultura.

A cominciare dagli eventi organizzati per festeggiare i primi 50 anni dell’opera teatrale Mistero Buffo stiamo raccogliendo video-testimonianze di amici artisti che credono, come noi, nell’importanza della valorizzazione, tutela e divulgazione del patrimonio culturale lasciato da Dario Fo e Franca Rame. 

Fino ad oggi si sono uniti a questo appello: 

 Mattea Fo (Presidente Fondazione Fo Rame),
Jaele Fo  (Vice Presidente Fondazione Fo Rame),
Jacopo Fo (CDA Fondazione Fo Rame),
Carlo Petrini (CDA Fondazione Fo Rame),

Doriano Cranco  (CDA Fondazione Fo Rame),
Marco Marchetti (CDA Fondazione Fo Rame), 

Danilo Alessi (Filoso viaggiatore),
Alessio Arena (scrittore),
Associazione “Evgenij Polyakov”,
Natalino Balasso (Attore),
Marco Baliani (Attore),
Annalisa Barone,
Gianni Barbacetto (Giornalista),
Luca Bassanese (Cantante),

Stefano Bertea (Famiglia Rame Fo)
Italo Bertolasi (Fotografo),
Stefano Biolchini (Giornalista)
Silvia Brioschi,
Laura Briseghella,
Danilo Bruno (storico),
Alcedonia Camisa
Martina Carpi (Attrice)
Daniele Cerrato (Docente dell’Università di Siviglia)
Alessandro Ciucci (Libero cittadino)
Alex Corlazzoli (Maestro e Giornalista)
Filomena Campus (Cantante),
Gabriella Canova (Editor),
Ascanio Celestini (Attore),

 

Giulia Coldani (Studiosa),
Paola Cortellesi (Attrice),
Simone Cristicchi (Cantante),
Marcello Corvino (Teatro Comunale di Ferrara)
Cosimo Damiano Damato ( Regista),
Luciana d’Arcangeli (Docente Università Australia),
Irene De Angelis Curtis (Dirigente scolastico),
Fabrizio De Vecchi,
Sonia Dotto,
Mario Esposito (Attore),
Francesca Garioni (Attrice),
Fabio Giusti (Libero Cittadino),
Giuseppe Giordano (Erborista)

Dori Ghezzi (Fondazione De André)
Livia Grossi (Giornalista),
Giulia Fo (Famiglia Rame Fo),
Alessio Fonnesu,
Giordano Gelati (Presidente Archivio Storico del Cabaret Italiano),
Rinaldo Giacon,
Siria Lentini (Direttrice Artistica del Teatro dell’Arte Italiana),
Mario Lezziero,
Cesare Lisandria (Esperto di arte russa),
Valentina Lodovini (Attrice),
Marco Luly (Attore),

Matthias Martelli (Attore),
Simone Matteucci (Famiglia Rame Fo),
Rolando Mastrodonato
Riccardo Matera
Gianfranco Mazza
Gaia Mezzadri Rame (Famiglia Rame Fo),


Jacob Olesen (Attore),
Pierluca Oldani (Sindaco di Casorezzo),
Flavio Oreglio (Attore e Direttore Archivio Storico del Cabaret Italiano),
Stefania Ottolini,
Moni Ovadia (Attore),
Marco Paolini (Attore),
Marina Pedemonte (Maestra),
Andrea Pennacchi (Attore),

Arianna Pescetti (Famiglia Rame Fo),
Antonio Pescetti (Famiglia Rame Fo),

Paola Piizi (Museo della Maschera Sartori),
Mario Pirovano (Attore),
Elisa Pistis (Attrice),
Alessandro Peluffo,
Stefano Politi,
Silvia Pollini,
Loretta Portatadino,
Gianluca Rame (Famiglia Rame Fo),
Enrica Rame (Famiglia Rame Fo),
Antonio Ricci (Autore televisivo),
Ginevra Sanguigno (Clown One Italia),
Sarah Sartori (Museo della Maschera Sartori),
Paolo Scheriani (Attore),
Anna Ranzanici,
Massimo Rizzo,
Leida Scorta,
Angela Soffientini,
Stefano Tealdo (Corvino Produzioni),
Carlo Ungarelli (Insegnante),
Jessica Tenca (Libera Cittadina),
Marco Travaglio (Giornalista),
Lucia Vasini (Attrice),
Walter Valeri (Scrittore),
Roberto Vecchioni (Cantautore),
Giovanni Viganò (Sviluppatore web).

 

Se vuoi partecipare anche tu sottoscrivendo l’appello o con un video inviaci una mail a info@fondazioneforame.org

MATERIALE D'ARCHIVIO E RASSEGNA STAMPA

Hai qualche domanda?

Scrivici una email, risponderemo il prima possibile